Arriva dall’America e si chiama Gambusia l’antizanzare ecologico pratico ed efficace

Non è altro che un piccolo e innocuo pesciolino, ma la sua efficacia come antizanzare ecologico è sperimentata e comprovata.

 

Sappiamo che tra i metodi più efficaci nella lotta alle zanzare, vi è quello cosiddetto larvicida, ovvero il sistema che prevede l’eliminazione delle larve di zanzara prima che esse si trasformino nell’insetto adulto pronto a pungerci e infastidirci per tutta l’estate.

Il metodo larvicida, infatti, è alla base dei programmi di disinfestazione pubblica, che però negli ultimi anni stanno subendo gravi tagli a causa della spending review in atto che costringe i comuni a ridurre in misura sempre maggiore gli interventi sul territorio.

Ecco allora che l’iniziativa contro le zanzare passa al privato cittadino, a cui la scoperta di un antizanzare ecologico, efficace e per di più economico potrebbe essere ben gradita!

 

Stiamo parlando della Gambusia affinis, altrimenti detta Gambusia, un pesciolino di circa 2-3 cm, proveniente dal bacino del Golfo del Messico e introdotto in Italia già dagli anni Venti proprio per combattere le zanzare (quelle della specie Anopheles), data la loro propensione a cibarsi delle larve di zanzara: un solo esemplare di Gambusia può divorare fino a 150 larve al giorno!

Sappiamo che le zanzare depositano le loro uova anche in pochi centimetri d’acqua (da qui le avvertenze sulla pericolosità dei ristagni d’acqua nei pressi delle nostre abitazioni); allo stesso tempo però è sufficiente disporre di un acquario, una tinozza, vasche o piccoli bacini con della terra sul fondo e acqua stagnante (dove appunto le zanzare non potranno fare a meno di depositare le uova) per allevare la Gambusia, la quale, grazie al suo appetito, in breve eliminerà le larve di zanzare svolgendo egregiamente il proprio ruolo di antizanzare ecologico!

Questi pesciolini si acquistano per pochi euro presso i rivenditori di acquari, e ne basterà acquistare poche unità, perché la Gambusia è molto prolifica: si riproduce infatti almeno 4/5 volte per stagione. Ricordatevi poi di inserire nella riserva d’acqua che ospiterà i pesci alcune piante ossigenanti (spesso vendute addirittura insieme al pesce), la cui funzione sarà quella, oltre che di abbellire lo specchio d’acqua, soprattutto di mantenere l’acqua pulita e trasparente.

Fatto ciò non dovrete preoccuparvi di molto altro, se non di godere degli effetti benefici di questo efficace antizanzare ecologico!

La Gambusia infatti è un pesce molto resistente, capace di sopravvivere in acqua con bassa presenza d’ossigeno, ad alta salinità (due volte quella dell’acqua di mare!) e a temperature elevate; possono persino sopravvivere in acque fino a 42 °C per brevi periodi.
Proprio per tale sua resistenza e peculiarità, la Gambusia è stata introdotta come bioregolatore nella lotta biologica contro le zanzare nei paesi tropicali e temperati in entrambi gli emisferi.

Ed è stato qui che si è scoperto il rovescio della medaglia: essendo infatti molto vorace di larve, e non solo quelle di zanzara, la Gambusia si rivela molto nociva per le popolazioni di anfibi, per via della predazione di uova e girini, tanto che questo piccolo (ma evidentemente solo all’apparenza innocuo!) pesciolino è stato inserito nell’elenco delle 100 tra le specie invasive più dannose al mondo!

Certo, se questo aspetto della Gambusia può rivelarsi dannoso su larga scala, non c’è da preoccuparsi nei casi di una introduzione domestica di questo pesce, essendo per noi così preziosa la sua azione di antizanzare ecologico.

 

gambusia_ninfa

Una veduta dei giardini di Ninfa

 

Se poi desiderate una prova dell’efficacia della Gambusia, rivolgetevi ai cittadini di Ninfa, la città medioevale in provincia di Latina, trasformata dai conti Caetani in splendidi giardini, dove proprio per combattere il problema delle zanzare il sovrintendente e curatore del parco, Lauro Marchetti, ha immesso le Gambusie nelle acque stagnanti del parco, riducendo drasticamente l’invasione dei fastidiosi insetti, per la gioia del vicinato!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*
Website